Metodo e Trattamento

Cos’è il metodo Sat Guru Charan?

E’ una terapia olistica che vuole favorire il naturale processo di rinnovamento e il benessere fisico, psicologico ed emotivo dell’individuo.

Si tratta di una forma di massaggio del piede. Attraverso il trattamento di singoli punti o tracciati di punti energetici che si trovano sull’area dei piedi, l’operatore è in grado d’intervenire nello specifico problema e nell’insieme del disagio esistenziale della persona che si sottopone al massaggio. La Scuola si riferisce ai punti energetici di trattamento nei piedi come luoghi in cui si riflettono organi, funzioni fisiologiche, stati emotivi e pensieri associati, le caratteristiche dell’essere e del modo comportamentale nonché le potenzialità e le aspirazioni dell’individuo stesso.

Spesso annoverata nella grande famiglia della Riflessologia Plantare, la Scuola SGC ha approccio, mappe e tecniche che le consentono di affermare di essere una Scuola con caratteristiche proprie che la rendono unica. La didattica indica nel termine Riflessoterapia ad approccio meditativo (RAM) la sintesi migliore per esprimere l’insieme delle tecniche insegnate. La visione filosofica e parte delle tecniche applicate affondano le radici nel Kundalini Yoga.

Cos’è la Riflessologia Plantare?

Hari Simran S.K. ha descritto la Riflessologia nel seguente modo:

“Il termine Riflessologia indica l’insieme di quei metodi di massaggio secondo i quali le attività psicofisiche dell’individuo si riflettono su determinati punti del corpo, detti punti riflessi. Il massaggio di questi punti consente d’intervenire in modo tale da tonificare o ristabilire l’equilibrio e l’armonia delle attività psicofisiche associate ai punti riflessi. In questo modo l’azione dell’operatore avvia un processo energetico che si riflette su aspetti e funzioni dell’organismo apparentemente non connessi con i punti di massaggio.

Alla Riflessologia Plantare appartengono quelle tecniche che raggiungono tale obiettivo attraverso il massaggio dei piedi. Questo termine è di origine americana e non è esaustivo nella descrizione del metodo cui si riferisce. Infatti, il termine plantare suggerisce che il massaggio avviene solo sulla parte plantare del piede quando invece la tecnica si avvale del massaggio su punti che si trovano su tutta l’area del piede.”

 

Chi ha fondato il Sat Guru Charan?

Hari Simran Singh Khalsa è il fondatore del metodo Sat Guru Charan. Allievo del Maestro Siri Singh Sahib Harbajan Singh K., conosciuto comunemente come Yogi Bhajan, dal 1979 al 2004, anno in cui il Maestro ha lasciato il corpo fisico, alla fine degli anni ottanta ha intrapreso un cammino di studio e pratica che lo ha portato a elaborare, fondare e diffondere il Sat Guru Charan in Italia e all’estero.

L’intensa relazione con il Maestro ha segnato profondamente la sua vita e dai suoi insegnamenti ha inevitabilmente tratto i fondamenti della filosofia e della pratica Yoga che fanno da sfondo al metodo SGC. Hari Simran S. K. non manca di ricordare il Maestro durante i corsi, le conferenze e gli interventi pubblici con frasi, aneddoti, riferimenti alla sua visione di mistico e Yogi e tanta gratitudine.

 

Cosa si può curare con il Sat Guru Charan?

Il massaggio dei piedi, secondo il Sat Guru Charan, interagisce con tutte le dinamiche fondamentali dell’individuo. E’ possibile affermare che il nostro metodo di massaggio porta benefici nello specifico e nell’insieme delle problematiche, senza tuttavia entrare in conflitto con altri tipi di cura, tanto di tipo medico e farmacologico quanto di tipo fitoterapico e naturale.

Il SGC però è più di un semplice massaggio, è una forma di Riflessoterapia che induce un rinnovamento psico-fisico nella persona. Ottimo per risolvere tutti i problemi e le conseguenti patologie legate a stress, dipendenze, stati d’ansia, squilibri degli organi e delle funzioni fisiologiche e disagi derivanti da fobie e eventi traumatici.

Il SGC è un ottimo supporto prima, durante e nel post parto. A tal proposito Hari Simran S.k. ha creato un corso specialist per formare operatrici e operatori in grado di seguire la gestante fino ed oltre il parto. Con le dovute accortezze è possibile offrire il massaggio anche a bambini, anziani e persone con traumi ai piedi.

 

In cosa consiste un trattamento di SGC?

Durante il primo trattamento si fa una piccola anamnesi utile a raccogliere un’agenda storica dei disturbi sofferti fino alla situazione attuale. Fatto ciò si fa sdraiare la persona su un lettino o un materassino. L’Operatore entra nello stato meditativo di attenzione e ascolto profondo, così come insegnati dalla Scuola SGC, e, dopo aver poggiato le mani sui piedi, rivolge attenzione e ascolto al paziente. Poi il trattamento comincia con il massaggio di scorrimento. Dopo questa prima fase, inizia un massaggio di digito-rotazione su punti e tracciati specifici del piede. L’intera terapia avviene in silenzio. Il massaggio è indolore. L’Operatore mantiene tutto il tempo del trattamento una concentrazione e attenzione profonda nell’ascolto energetico del paziente. Il massaggio di scorrimento e il seguente massaggio si esegue con l’ausilio di oli pregiati di origine naturale.

 

E’ un massaggio doloroso?

Si tratta di un massaggio indolore. Alla persona che si sottopone al trattamento viene richiesto di indicare se si sono verificati traumi al piede in modo da modulare la pressione del massaggio e valutare le aree da massaggiare.

Quanto dura una seduta?

La seduta dura da 45 a 60 minuti.

Quante sedute bisogna fare? Dopo quanto si vede l’effetto del massaggio?

Una seduta ha un effetto significativo nelle prime settantadue ore ma ci sono benefici fino a quaranta giorni dopo il trattamento. La normale frequenza è di una seduta ogni sette o quindici giorni. Una seduta al mese è ottima come pratica di prevenzione e sostegno. In alcuni casi l’Operatore può proporre due sedute a settimana, ovviamente per accelerare il recupero se la persona è in uno stato di notevole malessere. Un ciclo di terapie dura da otto a dieci sedute. E’ possibile fare solo una seduta a scopo conoscitivo del metodo o come semplice e benefica pratica di rilassamento. La piacevolezza del massaggio e la sua forza rigenerante sono evidenti già al termine del trattamento.

 

 

 

 

La persona che riceve il trattamento cosa deve fare?

Semplicemente si rilassa sul comodo lettino. Null’altro le viene richiesto di fare. Salvo la necessità di comunicare all’operatore note importanti circa il massaggio oppure per ovviare a necessità personali, il massaggio avviene o nel silenzio o con l’ausilio di musica (mantra). L’ambiente è confortevole, pulito e l’atmosfera rilassante.

C’è un abbigliamento adatto o posso venire con abiti di uso quotidiano?

Si può venire con abiti di uso quotidiano. L’Operatore chiederà di scoprire solo i piedi e parte del polpaccio. E’ possibile lavarsi i piedi nello studio dove si viene ricevuti prima del trattamento. Gli olii vengono asciugati dall’operatore alla fine del trattamento.

 

Dove posso trovare un operatore?

Consultando il sito www.satgurucharan.com oppure scrivendo a info@satgurucharan.com

Che oli vengono usati durante il trattamento?

Gli oli sono naturali, pressati a freddo e biologici. Molti terapeuti utilizzano oli ayurvedici. Ricordiamo che la differenza fondamentale tra oli di frantoio e oli ayurvedici sta nel fatto che i primi sono il prodotto di un processo di spremitura a freddo mentre i secondi sono il risultato di un procedimento complesso durante il quale gli oli ottenuti per spremitura sono riscaldati mentre vengono ad essi aggiunte piante a macerare. Gli oli ottenuti semplicemente da spremitura sono usati a temperatura ambiente, gli oli ayurvedici vengono tradizionalmente scaldati.

Ci sono controindicazioni al trattamento?

Non c’è alcuna controindicazione al trattamento. L’Operatore prima di iniziare il trattamento chiederà alla persona se ha avuto o ha in corso eventuali problematiche legate a traumi circoscritti nell’area dei piedi, lesioni delle articolazioni, dei muscoli o delle ossa del piede. Eventuali problematiche della pelle sono valutate nella scelta del massaggio e degli oli utilizzati.

 

E’ un trattamento adatto a tutti?

Assolutamente si! L’Operatore è preparato a valutare e applicare specifiche tecniche che tengono conto dell’età e delle condizioni della persona che si sottopone al trattamento. Ad esempio ci sono trattamenti specifici per le gestanti.

 

Cosa sono le cliniche itineranti SGC?

Sono eventi organizzati dalla Scuola Sat Guru Charan School of Reflexology o patrocinate dalla stessa. Durante questi appuntamenti gli operatori della Scuola offrono il loro servizio per trattamenti di trenta minuti circa. L’operatore partecipa per fini di tirocinio e di supporto alla divulgazione del metodo Scuola Sat Guru Charan e non recepisce compenso. Le eventuali somme raccolte sono destinate alla partecipazione a Festival ed eventi pubblici, alle attività e ai costi della Scuola o come donazioni verso associazioni umanitarie. La Sat Guru Charan School of. Reflexology infatti sostiene principalmente da anni i progetti di  Emergency, ONG fondata da Gino Strada e altre associazioni umanitarie. Per richiedere un’eventuale azione di supporto da parte della Scuola ad una causa benefica si può contattare la Segreteria della Scuola.

 

 

Ci sono offerte per giovani e studenti?

La Scuola sostiene i giovani e gli studenti con sconti e opportunità di rateizzazione delle quote relative ai corsi e ai servizi offerti dalla Scuola. Offerte speciali sono previste per i giovani che desiderano  ricevere uno o più trattamenti.

Sponsorizzate eventi o enti di beneficenza?

Sponsorizziamo eventi ed enti di beneficienza. Per l’affinità d’intenti e la visione dell’individuo, tra gli altri, sosteniamo Emergency. Per richieste di adesione a progetti di beneficenza contattare la Segreteria della Scuola.